Milano, sotto accusa i nuovi lampioni led: le periferie sono al buio, troppe luci in centro

milanoled

Cari lettori siamo qui oggi a sottoporre alla vostra attenzione una vicenda al quanto inaudita, ultimati i lavori di sostituzione delle vecchie lampade ad alta pressione di sodio con delle nuove lampade a led nella città’ di Milano la popolazione ha denunciato una notevole riduzione della quantità di luce nelle zone periferiche facendo noto che in centro la luce è del tutto spropositata nonché  basterebbe seguire le semplici regole di progettazione facendo un esatto calcolo illuminotecnico;

beh che dire nella nostra filosofia aziendale questo è pane quotidiano sarebbe bastato calcolare bene sempre entro i termini del risparmio energetico la potenza nominale delle lampade in base all’altezza del palo o comunque mantenersi su un vantaggio più’ alto ove è richiesta una maggiore quantità di luce senza tralasciare l’angolo radiale.

Qui di seguito trovare un articolo ed un video che parlano proprio di questa vicenda.

Dopo la partenza del progetto di sostituzione delle vecchie lampade con i nuovi led siamo andati in quattro quartieri della città (due in periferia e due nella circonvallazione) per testare l’illuminazione pubblica

Marciapiedi troppo bui nei quartieri periferici di Milano, dove a malapena si scorge chi ci viene incontro. E strade in zone centrali piene di luce, dove anche nelle ore notturne la via è illuminata a giorno. Dopo la partenza del progetto di sostituzione delle vecchie lampade con i nuovi led — voluti dal Comune perché più efficienti ed economici — siamo andati in quattro diversi quartieri della città (due in periferia e due dentro la circonvallazione) per testare i livelli dell’illuminazione pubblica. E per capire se le nuove armature a led soddisfino (o meno) le richieste di sicurezza dei cittadini. Con un luxmetro professionale abbiamo misurato l’intensità della luce sui marciapiedi e in mezzo alla carreggiata, per rilevare le differenti illuminazioni strada per strada. Il risultato del test, evidenzia una distribuzione delle luci fortemente disomogenea: alcune strade troppo illuminate, altre troppo poco.

In via Costantino Baroni, al Gratosoglio, i residenti si lamentano da tempo della scarsa illuminazione. Proteste che sono arrivate sia prima dei led, quando c’erano ancora le vecchie lampade al sodio, sia adesso. Qua il luxmetro è impietoso: se sulla strada si raggiungono i 38 lux, sui marciapiedi siamo regolarmente sotto i 20. Addirittura, in alcune vie laterali che collegano i palazzi alla strada si scende fino a 15. «Abbiamo protestato più volte — spiega Michele Valtorta, residente del Gratosoglio che ci accompagna nel giro — non abbiamo nulla contro i led, ma la situazione è oggettivamente peggiorata. Prima almeno un po’ di luce sui marciapiedi arrivava, adesso è tutta concentrata sulla carreggiata. Ed è soprattutto un problema di sicurezza, qui le persone hanno paura a uscire di casa».

«Quello che chiediamo noi del Gratosoglio — aggiunge Valtorta — è che laddove le zone rimangono buie si intervenga come in via Cadore, dove è stata aggiunta una seconda lampada».Mettere sul banco degli imputati i led, però, sarebbe un errore. Le mancanze, piuttosto, riguardano la progettazione dell’illuminazione pubblica in fase di sostituzione delle lampade. Perché se la luce dei led può essere più concentrata in certi punti (per esempio sulla carreggiata in via Baroni), altre zone rimangono più buie (come i marciapiedi). Secondo gli esperti del settore, con il cambio delle armature in alcune zone si è modificata la direzione della luce, ma allo stesso tempo non è stata “corretta” la distribuzione delle lampade. La soluzione sarebbe quella di valutare caso per caso, e aggiungere lampioni laddove ce ne sia bisogno, senza per questo dover abbandonare una tecnologia efficiente come i led. E magari intervenire laddove la luce è troppa e il rischio di inquinamento luminoso è concreto.

Dal Comune sembrano consapevoli che delle mancanze ci sono, soprattutto nelle zone periferiche: «Il vantaggio dell’operazione a led è che tagliando i costi si liberano delle risorse — ha spiegato l’assessore Pierfrancesco Maran — che utilizzeremo per andare a intervenire su impianti che non ci soddisfano. Penso per esempio al Monte Stella, o all’Alzaia Naviglio Pavese. Ma anche alla mappatura realizzata dalla Zona 7 che ha messo in evidenza tutte le zone dove c’è poca luce». Dall’assessorato fanno sapere che sono previsti interventi di miglioramento in 16 strade, mentre in altre 22 sono appena stati modificati degli impianti obsoleti o sono stati aggiunti nuovi punti luce.

Fonte Luca De vito (La Republica)

2 Responses to Milano, sotto accusa i nuovi lampioni led: le periferie sono al buio, troppe luci in centro

  1. Per fortuna ci stiamo uniformando a degli standard di un certo livello. Non mi sembra infatti corretto lasciare senza illuminazione un quartiere o una via, senza contare che con i tempi che corrono è meglio aumentare la sicurezza, invece che abbassarla.

  2. Ciao Paolo, pensa che l’illuminazione led fa risparmiare più del sessanta percento dei consumi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

FACEBOOK LED

Dicono di noi

Kasai è una giovane società volta al miglioramento delle condizioni di benessere dell'uomo, sia esso fisico, economico e ambientale. L'uso razionale dell'Energia e delle risorse, lo sfruttamento delle innovazioni tecnologiche, oggi, sono la base di partenza della sostenibilità. Kasai punta quindi a fornire dei prodotti e dei servizi proprio nell'ambito dell'innovazione tecnologica e dell'uso razionale delle energie nell'ottica della risorsa rinnovabile, che si riflette anche nell'ecologia e nel rispetto dell'ambiente e della risorsa naturale.

TWITTER LED